Firmware Tasmota su Sonoff DIY 1CH – Da 0 a 100 in 15 minuti

V=IxR .it - L'HUB Italiano dove imparare a costruire l'elettronica e a programmare l'hardware

Firmware Tasmota su Sonoff DIY 1CH – Da 0 a 100 in 15 minuti

I prodotti in commercio, come Sonoff, sono facili da usare ma dipendono da una infrastruttura Cloud “chiusa” e, in alcune circostanze, condizionano il proprio uso alla presenza di una connessione ad Internet. Per rendere un impianto domotico “personale”, é necessario dotare i dispositivi di un firmware capace di farli colloquiare con il resto dell’escosistema. Il firmware Tasmota é fatto apposta per rendere indipendenti e personalizzabili i dispositivi Sonoff.

Perché Tasmota ?

Tasmota è un firmware alternativo per i dispositivi basati su ESP8266 e, soprattutto, per i dispositivi della famiglia Sonoff. Ha davvero tante potenzialità, ecco un elenco delle maggiori funzionalità che ti mette a disposizione:

  • Possibilità di aggiornare il Firmware by OTA (Over the Air) oppure mediante web page
  • impostazione della configurazione Wifi mediante file user_config.h, Seriale, Smartconfig, Wifi manager o WPS config
  • Supporta i sensori di temperatura DHTxx, AM2301 o DS18B20
  • Supporta i sensori I2C BH1750, BME280, BMP280, HTU21, SI70xx, LM75AD e SHT1x
  • Supporto nativo a Domoticz MQTT
  • Facilità di integrazione in sistemi come openHAB, HomeAssistant
  • Emulatori Wemo e Hue per Amazon Echo (Alexa)
  • Supporto al protocollo KNX IP per la comunicazione con la reti KNX

Ti bastano ? 🙂

Il firmware contiene dei preset di configurazioni fatte apposta per i dispositivi Sonoff. Questa é la caratteristica che, coniugato all’uso dei dispositivi Sonoff, mi ha fatto scegliere Tasmota piuttosto che ESPEasy.

Carichiamo il firmware su un Sonoff DIY 1 CH

L’operazione é abbastanza semplice, sono richieste un po di abilitá con il saldatore. Ecco la guida passo passo:

Materiale necessario

Fate Attenzione!

Benché questa giuda si limita a descrivere come caricare il firmware Tasmota sul Sonoff DIY 1CH senza l’utilizzo della tensione di rete 220V, vi invito a prestare la massima attenzione nell’uso del dispositivo e nelle varie fasi della procedura.

Passo 1: prepariamo il dispositivo per il download del firmware Tasmota

Questo dispositivo in particolare, rispetto agli altri fratelli Sonoff 1CH, 4CH e 4CH Pro, necessita di un pochino piú attenzione poiché non presenta un connettore per la connessione alla seriale. Dobbiamo quindi collegare il nostro Convertitore Seriale USB manualmente sui pin dell ESP. Paura ? No, assolutamente, operazione facile facile, basta un pochino di attenzione e un saldatore con una punta sottile.

Il collegamento che dobbiamo realizzare é il seguente:

Sonoff DIY 1CH - Pinout

Il mio  consiglio é quello di utilizzare una basso volume di stagno per eseguire le saldature, evitando di cortocircuitare i pin del microcontrollore. Ricorda che non stai effettuando una connessione ad una unitá di potenza, il segnale TTL é a bassissima corrente.

 

Passo 2: connessione al convertitore Seriale USB

Dopo aver saldato i 3 fili sul ESP del Sonoff DIY 1CH, procedi alla connessione al pinout del tuo convertitore Seriale USB. Parto con il presupposto che il modulo Sonoff viene alimentato da una presa USB del tuo Computer, mentre ad un’altra presa del tuo PC é collegato il convertitore Seriale USB.

La connessione deve essere realizzata in questo modo:

Sonoff TX <----> RX Seriale USB

Sonoff RX <----> TX Seriale USB

In questo modo riusciamo a fare colloquiare le due seriali.

Passo 3: download e preparazione del firmware

Ci sono due soluzioni per preparare il firmware da caricare sul dispositivo. Puoi scaricare i sorgenti della versione desiderata e compilarlo (metodo laborioso e utile solo se si ha necessitá di modificare il codice), oppure puoi scaricare l’immagine giá compilata. Io ti consiglio la seconda soluzione.

Scarica l’ultima versione del firmware Tasmota dal repo ufficiale su GitHub:

https://github.com/arendst/Sonoff-Tasmota/releases

Puoi scaricare l’immagine nella lingua che preferisci. Io solitamente utilizzo quella in Inglese (sonoff.bin) ma puoi scaricare anche quella in Italiano (sonoff-IT.bin).

Prepara una directory sul tuo Desktop e chiamala “sonoff”, al suo interno posizionaci il file scaricato.

Per effettuare il download, io utilizzo esptool.py, se non sai di cosa si tratta, puoi seguire la mia guida per installarlo ed imparare ad usarlo.

Passo 4: Avvio del Sonoff DIY 1CH in flash mode

Per permettere  il caricamento del firmware, é necessario che il dispositivo venga avviato in modalitá flash. Per farlo, utilizza il cavo che hai saldato al passo uno (segnato con la linea bianca in foto) e collegalo al GND. Puoi usare il pin del convertitore Seriale USB. A questo punto alimenta il Sonoff, partirá in modalitá flash.

Passo 5: Download del firmware Tasmota

Dal terminale, recati alla directory in cui avevi posizionato il file sonoff.bin. Verifica l’elenco delle Seriali disponibili, cerando di individuare quella del convertitore USB Seriale (nella guida dovrai sostituire XXX con COM5 o /dev/tty.ecc).

(opzionale) Backup del firmware originale

Per correttezza, ti mostro come effettuare il backup del firmware originale, nel caso volessi riutilizzare il tuo dispositivo con le caratteristiche originali, potrai effettuarne il ripristino.

esptool.py --port XXX read_flash 0x00000 0x100000 image1M.bin

Nota: a operazione conclusa, il tuo dispositivo uscirá dalla modalitá flash.

(opzionale) Cancellazione della flash

Nel caso dovessi riscontrare dei problemi, puoi cancellare la flash che contiene il firmware con questo comando:

esptool.py --port XXX erase_flash

Nota: a operazione conclusa, il tuo dispositivo uscirá dalla modalitá flash.

Download del firmware

Componi questo comando per avviare il download  del firmware Tasmota sul dispositivo.

esptool.py --port XXX write_flash -fs 1MB -fm dout 0x0 sonoff.bin

A operazione conclusa, spegni e riaccendi il dispositivo. Il Tasmota é ora pronto ad essere configurato.

Connessione e prima impostazione

Con il firmware appena caricato, il sonoff non puó essere immediatamente utilizzato. Vanno configurate i parametri di base quali:

  • Nome dispositivo
  • Rete WIFI a cui connettersi
  • Password WIFI a cui connettersi

Per poter accedere alla configurazione, Tasmota offre una funzione molto utile. Se non ha nessuna configurazione WIFI disponibile, si avvia in modalitá AP (access point). Una volta alimentato, dopo qualche secondo, nella lista delle WIFI disponibili dovresti poter visualizzare una connessione il cui nome ha questo formato:

sonoff-7460

Elenco reti WI-FI

La parte dopo “sonoff-” viene generata dinamicamente e a caso. Stabilita la connessione a questa WIFI, ti verrá mostrato il pannello di configurazione, in cui dovrai specificare il nome della rete WIFI e la password a cui vuoi che il dispositivo si connetta.

Schermata Configurazione Tasmota

Dopo il salvataggio, il Sonoff si riavvierá, collegandosi alla WIFI scelta. Non ti resta che individuare l’IP del Sonoff che il router WIFI avrà assegnato e, mediante un browser, navigando all’indirizzo http://[ip-sonoff]/ accedere all’interfaccia di configurazione del tasmota.

Home del firmware Tasmota

Per prima cosa, bisogna far capire al Tasmota su quale modulo è stato installato. Nel nostro caso, dobbiamo impostare il Sonoff DIY 1CH (che differisce dal basic module).

Cliccando sul pulsate “Configuration” visualizzerai questo modulo:

Tasmota Configura Modulo

Cliccando su “Configure Module” potrai visualizzare la schermata di impostazione del modulo, i preset di cui ti parlavo inizialmente. Per il Sonoff DIY 1CH bisogna selezionare “12 1 Channel”:

Tasmota Configura Modulo 1 Channel

A salvataggio effettuato il Sonoff si riavvierà e ti sarà possibile provare il suo funzionamento mediante il pulsate Toggle di test.

Per la configurazione del firmware, non voglio toglierti altro tempo. Ti rimando ad un prossimo articolo dove ti mostrerò nel dettaglio cosa puoi fare con il

Conclusioni

L’utilizzo del firmware Tasmota ti apre molte strade nell’ottica di personalizzare un sistema, slegando il dispositivo all’uso del Server originario di ITEAD. Ovviamente non potrai piú usare il dispositivo mediante eWeLink, ma avrai modo di innestare il dispositivo in un sistema governato, ad esempio, da Open HAB.

Se l’articolo ti é piaciuto, condividilo sui social network! Metti mi piace alla nostra pagina Facebook e lascia un commento se hai bisogno di aiuto!

A presto!